Condividi

Il presidente americano Donald Trump ha in programma oggi colloqui telefonici con il premier giapponese Shinzo Abe e con quello australiano Malcolm Turnbull. Sale così a cinque il numero di leader stranieri con cui Trump si sentirà nella giornata odierna: il tycoon aveva già in agenda telefonate col presidente russo Vladimir Putin, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande.

Nel suo ordine esecutivo per impedire l’ingresso di terroristi islamici negli Stati Uniti, il presidente americano ha sospeso per 120 giorni il programma di ammissione di tutti i rifugiati e fino a ulteriore comunicazione l’ingresso di quelli siriani. Per quest’ultimi nel provvedimento non sembra esserci a safezones (zone di sicurezza).

Ingresso negli Stati Uniti sospeso per tre mesi per i cittadini di sette paesi musulmani: Siria, Libia, Iran, Iraq, Somalia, Sudan, Yemen. Lo ha disposto il presidente americano Donald Trump nel suo ordine esecutivo per evitare di far entrare negli Usa terroristi stranieri.

“L’ingresso di cittadini e rifugiati siriani” è “dannoso per gli interessi del Paese”: scrive Trump nell’ordine esecutivo.

Trump ha tagliato di oltre la metà il numero dei rifugiati che gli Stati Uniti prevedevano di accettare quest’anno, portandolo a 50mila.

Nel suo giro di vite per difendere gli Stati Uniti dall’ingresso di terroristi islamici, il presidente americano Donald Trump ha sospeso con effetto immediato il programma Visa interview waiver, che consentiva ai cittadini stranieri titolati di chiedere il rinnovo del visto senza affrontare il colloquio personale con le autorità diplomatiche Usa.

Rohani, non è tempo di alzare muri tra nazioni – “Oggi è tempo di riconciliazione e convivenza, non di erigere muri tra le nazioni”. Lo ha affermato il presidente dell’Iran, Hassan Rohani, intervenendo a Teheran al 17/o convegno della Federazione mondiale delle associazioni delle guide turistiche (Wftga). “A quanto pare è stata dimenticata la caduta, anni fa, del muro di Berlino”, ha continuato Rohani facendo evidente riferimento alle iniziative del presidente americano Donald Trump e all’idea di un muro alla frontiera con il Messico. “Se ci sono delle pareti tra le nazioni – ha aggiunto il presidente iraniano – dovrebbero essere demolite”.

Trump firma, super controlli su chi vuole entrare in Usa – Rafforzamento dell’esercito e controlli piu’ severi per impedire l’ingresso di terroristi islamici in Usa: Donald Trump procede come un rullo compressore per mantenere le sue promesse elettorali e firma altri due ordini esecutivi al Pentagono, dopo aver incontrato lo stato maggiore congiunto e partecipato alla cerimonia di giuramento del nuovo segretario alla difesa, il gen. James Mattis, “l’uomo giusto al posto giusto”. “Vogliamo mantenere i terroristi islamici radicali fuori dagli Usa”, per garantire che non si ammetta nel Paese la stessa minaccia che i nostri soldati combattono all’estero, ha osservato. “Vogliamo ammettere nel nostro Paese solo coloro che lo sosterranno e ameranno profondamente la nostra gente, ha aggiunto, senza pero’ spiegare i dettagli del provvedimento. Nei giorni scorsi erano trapelate sue intenzioni di sospendere il flusso di rifugiati e i visti per le persone provenienti da alcuni Paesi a maggioranza islamica flagellati dal terrorismo, come Siria, Libia, Iraq, Somalia, Sudan e Yemen. In una intervista al Christian Broadcasting Network, Trump ha detto che tra i siriani che chiedono lo status di rifugiati dovrebbe essere data priorita’ ai cristiani, finora “trattati in modo orribile”: “se eri un musulmano potevi entrare ma se eri un cristiano no, era quasi impossibile”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRaggi rischia il danno erariale, la sindaca lunedì dai pm
Prossimo articoloTetti, cavilli e modulistica: il bluff dei rimborsi Etruria