Condividi

SOS1305969(ANSA) – CATANZARO, 24 LUG – La Dia di Catanzaro ha confiscato beni per 4 milioni di euro, riconducibili a Domenico Antonio Ciconte, 49 anni, condannato per usura con sentenza divenuta definitiva nel 2009 a conclusione del processo Dinasty contro la cosca di ‘ndrangheta Mancuso di Limbadi (Vibo Valentia). Sono state confiscate quote societarie della ”Calabria Trading” operante nel settore intermediazione, della ”De Caria Legnami” e della ”Immobiliare Athena srl” oltre a beni immobili e mobili.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVicini nel dolore alla famiglia Antonelli. Rientrata in Italia la salma di Andrea. Domani i funerali.
Prossimo articoloCommemorati finanzieri uccisi in mare. Nel 2000 furono speronati da scafisti albanesi in inseguimento.