“Una razza di idioti esaltati dalla divisa e la pistola” utente facebook finisce nei guai

La scorsa mattina sulla pagina Facebook del quotidiano Repubblica di Torino, dopo l’articolo titolato “Torino, inseguimento da film nella notte: automobilista preso dopo 20 minuti di fuga, una volante finisce contro un bus”, un cittadino ha avuto la pensata di commentare scrivendo “…li doveva abbattere tutti come fa una palla da bowling contro i suoi birilli. Ci hanno messo una vita perché sono una razza di idioti esaltati dalla divisa e la pistola. Gli avranno dato un sacco di botte perché lo sappiamo che fanno cosi! E il motivo sai qual’è? Non che ha danneggiato la città, i mezzi pubblici eccetera…nossignori! Prenderà botte perché ha danneggiato il loro orgoglio! Perché si sentono dio in terra sti quattro cazzari…e quando ti servono veramente si rivelano completamente inutili”.

“Queste dichiarazioni” spiega il sito Quotidiano Piemontese “risultano decontestualizzate rispetto alla vicenda, non hanno nulla a che vedere con il diritto di critica e potrebbero costituire reato. Per tale ragione la Questura di Torino, tramite la Polizia Postale, ha attivato le procedure di identificazione dell’autrice del post, ponendo la vicenda all’attenzione della competente Autorità Giudiziaria per valutare la rilevanza penale della condotta”

Sono sempre di più i provvedimenti delle forze dell’ordine nei confronti delle condotte scorrette da parte degli utenti su Facebook. LEGGI ANCHE: Insulti in rete ai Carabinieri, nei guai ragazzino: “si rischiano fino a tre anni di reclusione”
LEGGI ANCHE: Insulti su Facebook ai Carabinieri: in 23 a processo per aver messo like

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche