Va a prenderla al lavoro, fermati dagli agenti: infermiera e consorte multati e denunciati

E’ una vicenda amara quella che arriva da Savona e raccontata dal sito IVG

Protagonisti un’infermiera ed un operatore socio sanitario, coniugi. I due sono dipendenti di una casa di riposo nella zona di Cogoleto, lei, sprovvista di patente, viene accompagnata da consorte anche per evitare lo spostamento in treno, non privo di rischi.

Ed è qui l’inghippo. “Sulla strada del ritorno verso casa”scrive IVG – “una volante della Polizia di Stato li ferma e per i due coniugi scatta subito la multa e la denuncia per violazione delle disposizioni governative volte a contenere il contagio del virus”

” Sul verbale redatto dagli agenti in servizio” spiega ancora il sito ligure “si legge che “il veicolo effettuava un trasferimento extracomunale nonostante non fosse in possesso di motivazione di assicurata urgenza e, nella fattispecie, si allontanava dal domicilio per accompagnare la moglie dal lavoro a casa”.

La foto pubblicata da IVG

L’infermiera, dispiaciuta e amareggiata, commenta così l’episodio: “Forse abbiamo torto noi, ma la frustrazione di questa situazione è terribile – racconta la donna -. Io vado a lavorare per 1500 euro al mese e nel mio posto di lavoro la situazione è anche abbastanza complicata”.

Da una parte la necessità di far rispettare le regole, dall’altra la necessità, da parte di chi è in prima linea di tutelare se stesso e gli altri, senza contare  che forse, proprio chi è maggiormente esposto, in questi periodi dovrebbe poter aver garanzia di trattamenti diversificati. Le forze dell’ordine, sappiamo, già molto impegnate ed in condizioni di caos – con regole che cambiano a cadenza settimanale – non possono che applicare la legge. Ai governanti, il compito di rendere più agevole queste condizioni di restrizione.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche