Valerio Gildoni

Valerio GildoniIl Tenente Colonnello dei Carabinieri Valerio Gildoni (Sansepolcro, Ar, 2 gennaio 1969 – Nanto, Vi, 17 luglio 2009) era il comandante del reparto operativo di Vicenza.

Il 17 luglio 2009, è intervenuto per mediare con Battista Zanellato, 84 anni, che, in stato di alterazione psichica, si era asserragliato in casa armato.

Vista la situazione di estremo pericolo, Valerio Gildoni ha cercato di avvicinarsi per indurlo alla resa, ma l’anziano ha sparato, colpendolo alla testa e uccidendolo.

Con decreto presidenziale del 14 maggio 2010 gli è stata assegnata la medaglia d’oro al valor militare alla memoria con la seguente motivazione: “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, unitamente ad altri militari, avviava una delicata opera di persuasione nei confronti di un uomo che, in stato di alterazione psichica, si era barricato all’interno della propria abitazione esplodendo un colpo d’arma da fuoco all’indirizzo di una pattuglia di carabinieri precedentemente intervenuta. Resosi conto della situazione di estremo pericolo anche per l’incolumità degli altri presenti, con insigne coraggio e consapevole del grave e manifesto rischio, senza far uso dell’arma in dotazione, non esitava ad avvicinarsi allo squilibrato per stabilire un contatto diretto e convincerlo a desistere, venendo proditoriamente attinto da un colpo di fucile che ne causava la morte. Fulgido esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere, spinti fino all’estremo sacrificio”.