Condividi

Vasco dal cuore d’oro, sorpresa in ospedale dai bambini malati

VIl giorno di Natale il rocker ha visitato l’istituto “Massimo Riva”, voluto da lui nella sua città, e l’istituto ortopedico Rizzoli di Bologna
Vasco Rossi e Gaetano Curreri in visita ai bimbi malati dell’ospedale Rizzoli. L’incontro è organizzato da Ansabbio onlus (l’Associazione nazionale spettacolo a beneficio bambini in ospedale)

Si tratta oramai di un appuntamento ormai tradizionale che porta sempre grandissima gioia ma anche attenzioni.

I due artisti hanno portato doni e un sorriso ai piccoli pazienti, costretti anche per la fine dell’anno a restare in ospedale. Tra selfie e magliette autografate

 

 

Dario Cirrone, presidente Ansabbio ed ex fisioterapista alla pediatria del Rizzoli, ha creato, oltre vent’anni fa, il progetto ‘Star Therapy’ per regalare un sorriso ai bambini in difficoltà, progetto che, oggi, è stato brevettato.

“La scienza ha dimostrato che il sorriso fa bene quindi noi siamo felici di farlo e i bambini non aspettano altro – dice Cirrone al Resto del Carlino -.

Spero che la presenza di queste due star sia di esempio per tutti quei volti noti che a volte ci dicono che non hanno tempo.

Il tempo + una cosa preziosa che va destinato a chi ne ha bisogno come questi bimbi”.

 

 

Vasco ha concesso selfie e autografi, brindato con le autorità cittadine e ha anche duettato con i ragazzi sulle note di “Sally” e “Ogni Volta”.

Poi il consiglio ai ragazzi: “Nella vita fate quel cazzo che vi pare, ma fatelo bene”.

“Mi fa sempre piacere raccogliere l’invito di Dario – sorride Vasco Rossi che ha portato in dono anche un gadger di Modena Park-: portare la gioia ai bambini in questo loro momento di difficoltà mi dà sempre molto a livello umano”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLenticchie a Capodanno, perché mangiarle porta fortuna?
Prossimo articoloDa gennaio "tassa sul sudore" per i ciclisti amatoriali: 25 euro all'anno