Vaticano, il festino tutto gay e cocaina di monsignor Capozzi inguaia il cardinale Coccopalmerio: il Papa lo rimuove dall’incarico?

Vaticano, il festino tutto gay e cocaina di monsignor Capozzi inguaia il cardinale Coccopalmerio: il Papa lo rimuove dall’incarico?

Ogni giorno, per Papa Francesco, una grana. Dopo gli scandali-pedofilia di George Pell e il licenziamento del cardinale Gerhard Ludwig Muller, resta sulla scrivania il caso del festino gay a base di cocaina che si è svolto nell’abitazione vaticana di monsignor Luigi Capozzi, segretario del cardinale Francesco Coccopalmerio, il presidente del Pontificio consiglio per i testi legislativi. Una vicenda che risale a qualche tempo fa (il nome di Capozzi, però, è emerso in quest’ultima settimana).

Da tempo si rincorrevano voci sul conto di Capozzi, voci confermate in toto da quanto si è trovata davanti la Gendarmeria vaticana dopo essere entrata nell’appartamento all’interno del Palazzo del’ex Sant’Uffizio. Uno scenario sconvolgente che ha confermato quanto vociferavano i cardinali che abitavano nell’edificio. Un festino gay a base di cocaina, appunto.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche