Condividi

CC14Como, 6 agosto 2013 – Atti vandalici contro il cippo che ricorda il sacrificio di Giorgio Ardizzone, il finanziere che l’11 luglio del 1969 fu investito e ucciso da un’auto carica di bricolle durante un posto di blocco per un servizio di anticontrabbando sulla provinciale Bizzarone – Valmorea.

Ormai da un anno ignoti prelevano dal cippo sia i fiori freschi sia quelli secchi per buttarli o in fondo al prato o farli addirittura sparire. Ultimamente, invece, sono stati spostati pure i due vasi grossi in cemento e abbandonati nel prato circostante. In precedenza era stato divelto il coperchio di un lumino.

«I fatti si commentano da sé – commenta amareggiato il sindaco Guido Bertocchi – è una zona isolata che non può dare fastidio a nessuno. Sono gesti incomprensibili perché quel posto dovrebbe solo ricordare un giovane ragazzo morto mentre faceva il proprio dovere. Purtroppo anche al cimitero recentemente si sono verificati fatti analoghi: furti di fiori e vandalismi su alcune tombe. Vi è da chiedersi come possa venire a mancare il rispetto anche in questi luoghi». (laprovinciadicomo.it)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteOliver Hardy
Prossimo articoloCapitano Ultimo