Condividi

Il processo col rito abbreviato, le imputazioni per furto aggravato e la resistenza a pubblico ufficiale.

La condanna a cinque di carcere, di cui un anno già quasi del tutto scontato. Tutto come previsto, tutto come prevedibile.  Se non fosse che tra il furto aggravato, un aspirapolvere rubato in un appartamento del centro di Caserta, e la resistenza al pubblico ufficiale, la fuga sui binari della stazione, non fosse rimasto un cadavere.

Quello del vicebrigadiere Emanuele Reali, 34 anni, morto nel tentativo di bloccare il ladro in fuga, centrato da un treno in corsa mentre inseguiva il bandito scappato. Per la sua eroica morte in servizio non ci sono responsabili. Il processo col rito abbreviato si è concluso ieri dinanzi al gup Alessandra Grammatica.

 

Presenti i legali rappresentanti l’Arma dei carabinieri, l’avvocatura di Stato, il Ministero della Difesa e la famiglia del vicebrigadiere Emanuele Reali.

Ciascuna parte ha chiesto di potersi costituire parte civile, inclusa la famiglia Emanuele Reali rappresentata dall’avvocato Giuseppe Ferrucci, ma la questione di non legittimità sollevata dall’avvocato Gandolfo Geraci, difensore dell’imputato, è stata accolta dal giudice che ha escluso le parti civili.

LEGGI ANCHE: Cina, uccide un poliziotto, tribunale lo condanna a morte

Pasquale Attanasio è stato condannato per i reati a lui ascritti, non ovviamente per quelli che non gli sono stati contestati. Per la verità, la Procura di Santa Maria Capua Vetere aveva tentato, in principio, l’incriminazione per la morte a seguito di altro reato.

Ma la prima bocciatura del gip Campanaro, che non accolse una parte del quadro tratteggiato dai pm, quella appunto relativa alle ragioni della tragica fine del carabiniere, ritenendo, il giudice, che non vi fosse un nesso diretto tra la fuga e il decesso, ha riportato i capi d’imputazione su quanto di meno grave avvenne la sera del 6 novembre dell’anno scorso a Caserta.

E questo è ciò che ha animato il processo definito con rito abbreviato a Napoli.

Pasquale Attanasio, quella maledetta sera, era con tre complici. In mattinata avevano svaligiato una serie di appartamenti del centro di Caserta. I carabinieri erano sulle tracce della banda e nel pomeriggio scattò il blitz. Tre di loro furono catturati subito. Cristian Pengue, Pasquale Reale e Salvatore Salvati, tutti del Rione Traiano di Napoli, esperti topi d’appartamento. Pengue tornò libero due giorni dopo.

LEGGI ANCHE: Cina, uccide un poliziotto, tribunale lo condanna a morte

Ma quella sera, Pasquale Attanasio, padre di due figli dopo un’adolescenza passata tra Nisida e i Colli Aminei, tentò di tagliare la corda per non finire, di nuovo, dietro le sbarre.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMigranti, oltre 2mila sbarchi negli ultimi trenta giorni
Prossimo articoloBibbiano, revoca degli arresti domiciliari per il sindaco Andrea Carletti

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.