Condividi

Come ricostruito da ilGiornale.it , che ha pubblicato per primo le foto, si tratta di un uomo di 67 anni. Secondo fonti dell’arma sarebbe pluripregiudicato per reati di droga. In queste ore è in caserma per essere interrogato. (FOTO PUBBLICATE DA ILGIORNALE.IT)

La vittima è il maresciallo vicecomandante della stazione dei carabinieri di Cagnano Varano e si chiama Vincenzo Carlo Di Gennaro, 46 anni, celibe e senza figli, il militare dell’Arma ucciso questa mattina nella piazza centrale del paese garganico da un uomo armato di pistola. Il mezzo con a bordo due Carabinieri, la vittima ed il collega che ha riportato ferite al braccio e al fianco, fermando un 64enne con precedenti per reati contro gli stupefacenti, si stava apprestando ad un controllo. Nella circostanza però il malvivente avrebbe estratto la pistola e aperto il fuoco contro i due malcapitati. Ferito anche il collega del Di Gennaro, un giovane militare di 23 anni.

Scrive l’Arma dei Carabinieri sulla pagina ufficiale Facebook “Una vita umana vale il mondo intero. E così il maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro, 46 anni, morendo in servizio nella piazza di Cagnano Varano (FG), il paese dove lavorava presso la locale Stazione Carabinieri, è un mondo che scompare. Lo ha ucciso un uomo con precedenti penali, che ha estratto una pistola in occasione di un controllo e ha sparato ferendo anche un altro carabiniere, al quale vanno i nostri auguri di pronta guarigione. Il maresciallo era celibe e non lascia figli, diranno le prime note di agenzia. Ma tutti noi ne siamo orfani. I familiari, gli amici, i colleghi. Chiunque abbia a cuore la giustizia e conosca il valore della vita. Arrivederci nel cielo, Vincenzo Carlo. Il viaggio ti sia lieve.”

Articolo precedenteSi chiamava Vincenzo Carlo Di Gennaro il Carabiniere ucciso a Foggia. Era il vicecomandante della stazione di Cagnano Varano
Prossimo articoloCarabiniere ucciso, Salvini pubblica la foto del killer: "Un infame, non merita di uscire di galera"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.