Condividi

Gli ex parlamentari si apprestano a percorrere le vie della giustizia civile contro i presidenti di Camera e Senato, contro i Questori e tutti i membri degli uffici di Presidenza, rifacendosi patrimonialmente contro di loro se dovesse passare il taglio dei vitalizi.

E’ quanto emerso in una affollata Assemblea degli ex deputati ed ex senatori, durante la quale il presidente dell’Associazione degli ex parlamentari, Antonelli Falomi è stato netto contro il progetto: “questa non è giustizia, è vendetta”.

Nella relazione Falomi ha ribadito le ragioni del no al ricalcolo retroattivo con metodo contributivo dei vitalizi degli ex inquilini di Camera e Senato, ribadendo la disponibilità al contributo di solidarietà.

Un ricalcolo retroattivo, ha spiegato, è incostituzionale perché viola il principio di affidamento, tanto è vero che la retroattività è stata esclusa in tutte le riforme delle pensioni, ed anche in quella dei vitalizi dei parlamentari del 2012.

Leggi anche:  Antonio Razzi: "da operaio guadagnavo 6000 euro al mese ma non avevo spese, da senatore non arrivo a 5000"

In tal senso, ha spiegato Falomi, “abbiamo, innanzitutto, contestato l’idea che si possa giustificare una delibera degli Uffici di Presidenza per evitare il giudizio di illegittimità della Corte Costituzionale”.

Risultati immagini per vitalizi

“Una idea balzana” ha detto Falomi, che conferma la consapevolezza da parte di M5s che il ricalcolo è incostituzionale. “Se si fosse sinceramente convinti che il ricalcolo retroattivo sia una misura costituzionalmente corretta, non si capisce perché si ha così tanta paura del giudizio della Corte Costituzionale da tentare ogni strada per aggirarlo”.

Ma ecco la novità: “Comunque si mettano l’anima in pace. Grazie al supporto di illustri giuristi – ha spiegato – di Presidenti emeriti della Corte, di avvocati importanti, abbiamo individuato le strade e gli strumenti per arrivare più velocemente possibile lo stesso all’Alta Corte”.

“in più l’Associazione darà supporto logistico e organizzativo perché i ricorsi individuali abbiano forma collettiva”.

Leggi anche:  Da Cicciolina a Benetton, i vitalizi d'oro

Insomma una class action, ma non solo davanti alla Consulta, bensì anche davanti al Giudice civile per una azione contro tutti i membri degli uffici di Presidenza dei due rami del Parlamento.

Antonello Falomi (archivio) © ANSA

“Si deve tener conto infine con il massimo scrupolo delle ricadute finanziarie delle inevitabili richieste di danni da parte di quanti, in base alle regole vigenti in passato, hanno rinunciato alla propria carriera professionale per mettersi al servizio del Paese o di quanti hanno assunto obbligazioni finanziarie alle quali non potrebbero più fare fronte.

E chi sarebbe personalmente responsabile dei danni di decisioni illegittime? A questo proposito noi abbiamo sollevato il problema della responsabilità patrimoniale personale di quanti concorrono a decisioni che in sede giurisdizionale siano ritenute illegittime”.

E per le azioni civile, ha ricordato Falomi, non ci si puo’ avvalere della immunità parlamentare.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRoma, l'accusa horror: "ha abusato di tre bambine" arrestato cingalese
Prossimo articoloSclerosi multipla, gli Usa approvano il primo farmaco per bambini e adolescenti