Vittorio Feltri in difesa dei veri Carabinieri: “Orrore a Piacenza, ma non azzardatevi a sputt*** l’Arma”

Si continua a parlare della caserma di Piacenza. Interviene adesso anche Vittorio Feltri con un editoriale su LiberoQuotidiano. Secondo le accuse della procura, I Carabinieri in servizio alla caserma Piacenza Levante avevano creato una vera e propria banda che commetteva reati gravi.

Vittorio Feltri invita però, giustamente, a non generalizzare.

“Se certi abusi saranno confermati alla fine dell’inchiesta, ovvio che debbano esserne puniti gli autori in modo esemplare. Tuttavia aspettiamo il giudizio della magistratura per emettere condanne sulla base del sentito dire. Insomma, serve prudenza allorché c’è di mezzo la violazione della legge, le responsabilità vanno verificate perfino nei dettagli prima di sentenziare. Ciò detto, desideriamo fare una puntualizzazione.

Quand’anche si confermasse che la storia di Piacenza è stata una triste e drammatica realtà, sarebbe scorretto e altresì devastante sputtanare l’intera e gloriosa Arma facendo di ogni erba un fascio.

Migliaia di carabinieri si sacrificano svolgendo un lavoro massacrante per renderci la vita meno agra, e sarebbe ingiusto infilarli nel mazzo di quelli che hanno peccato. Costoro sono tra i pochi elementi di unità nazionale, insieme con i tabaccai e gli uffici postali, e vanno difesi pure da se stessi nel momento in cui sbagliano.

Non è lecito linciare una categoria in quanto alcuni appartenenti ad essa sono mascalzoni. I malviventi si annidano dovunque, tra i geometri, i giornalisti e i salumieri.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche