Volontari multati dopo aver servito pasti ai senzatetto: “assembramento”

Fermati di ritorno dalla mensa del dormitorio Saini, multati alcuni volontari

Stavano attraversando il parco Forlanini per prendere l’autobus e andare a casa dopo aver servito pasti alla mensa nel dormitorio per i senzatetto allestito all’interno del centro sportivo Saini di Milano.

Nonostante l’autocertificazione e le spiegazioni, racconta il quotidiano Il Giorno, non c’è stato verso: hanno preso una multa di 280 euro ciascuno con tanto di contestazione per assembramento.

È quel che è capitato venerdì scorso poco dopo le 21 a tre ragazzi tra i 19 e i 20 anni di una cooperativa sociale, Spazio Aperto Servizi, dopo un’assistenza ai senzatetto.

I ragazzi sono stati multati con l’accusa di aver fatto “assembramento”, in violazione alle restrizioni contro il Coronavirus. Lo ha riferito l’ente benefico in una nota.

“Siamo certi che questa situazione si ricomporrà il prima possibile” ha commentato la presidente di Spazio Aperto Servizi, Maria Grazia Campese.

“I servizi da noi condotti in questo particolare periodo sono da considerarsi indifferibili quanto un’attività lavorativa e professionale. Sono svolti in accordo e su diretto indirizzo dell’Amministrazione Comunale e i nostri volontari, come di qualsiasi altra realtà impegnata sul campo, svolgono un servizio prezioso a favore degli ultimi e della collettività” .

 
Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche