Condividi

La Russia gioca i suoi war games e provoca la Nato: un bombardiere strategico russo ha sorvolato la nave Usa USS Mount Whitney, ammiraglia della Flotta Nato, davanti alle coste della Norvegia, dove è in corso la più imponente esercitazione dell’Alleanza atlantica dalla fine della Guerra Fredda.

Le immagini, scattate dai reporter a bordo della nave, mostrano un Tu-142 che sfreccia a poca distanza dalla nave da comando Usa.

“Siamo qui con l’orgoglio degli italiani”, dice all’ANSA il generale Angelo Michele Ristuccia, comandante della 132/a Brigata corazzata ‘Ariete’.

“Vogliamo dimostrare di essere capaci di assolvere i nostri compiti ed essere in grado di portare a termine quello che ci viene chiesto nell’ambito dell’Alleanza, con l’entusiasmo di chi si deve confrontare con un nemico probabilmente dotato di capacità superiori”.

Leggi anche:  Polizia e militari ridotti alla fame dal governo: "Senza soldi, ci vestiamo con le divise di chi va in pensione"

“In serata prevediamo di passare all’offensiva e contribuire al ripristino dell’integrità territoriale della Norvegia”, sottolinea l’alto responsabile militare nel posto comando tattico avanzato nell’area di Lesja, sovrastata da picchi innevati e coperta dalla neve e dal ghiaccio.

“Mi preme evidenziare che questa esercitazione non è diretta contro un nemico specifico, ma è soltanto orientata a dimostrare la nostra capacità di schierarsi con brevissimo preavviso. E soprattutto dimostrare che l’Alleanza è un’organizzazione difensiva che ha il compito di dimostrare a chiunque abbia intenzione di minacciarci che siamo pronti a difendere i confini delle nazioni che ne fanno parte”. ha detto Restuccia.

Va detto con orgoglio; i soldati Italiani il proprio lavoro lo sanno fare molto bene: in questi giorni, il comandante delle forze navali Usa in Europa e Africa e del comando congiunto Nato a Napoli, l’ammiraglio James Foggo, si è congratulato proprio con le forze italiane.

Leggi anche:  Guidonia, paracadutista militare delle forze speciali si schianta al suolo e muore a 41 anni

A Lejia inoltre i bersaglieri presidiano il comando mobile, supportato da una base poco distante molto più ampia e collocata in un’area difesa che appare a tratti invulnerabile.

Nel comando operativo si fronteggia ogni tipo di minaccia, da quelle convenzionali a quelle di nuova generazione, come la cosiddetta cyberwar, la guerra a colpi di computer combattuta da hacker che alcuni Paesi, la Cina in prima fila, hanno inquadrato in vere e proprie ‘divisioni’ da combattimento.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteNella tragedia del Maltempo, l'appuntato Stefano Rossi ha perso la moglie. Ora è rimasto solo con le due figlie
Prossimo articoloMaltempo. Giuseppe è il pediatra disperso che correva dai suoi piccoli pazienti in ospedale

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.