Condividi

Avete un vecchio smartphone e usate WhatsApp? Tra poco, non solo non potrete più accedere agli aggiornamenti alle ultime versioni, ma rischierete anche di non poter più usare l’app sul vostro smartphone.

Come spiega Leggo in un articolo odierno, l’annuncio è arrivato direttamente dagli sviluppatori, sul blog di WhatsApp: i sistemi operativi più obsoleti, oltre a non consentire l’aggiornamento alle ultime versioni (con tutte le nuove funzioni disponibili), presto non potranno più supportare l’app di messaggistica istantanea. Ecco la lista dei sistemi operativi che, già adesso, non consentono più l’utilizzo di WhatsApp:

Leggi anche:  WhatsApp: "occhio al video "La danza di Vottary": ti formatta il cellulare" - Ma è una bufala

– Android con versioni più vecchie della 2.3.3
– iPhone 3GS e iOS6
– Windows Phone 8 e versioni più vecchie
– Nokia Symbian S60
– BlackBerry OS e BlackBerry 10

Ci sono poi altri sistemi operativi, più recenti ma relativamente obsoleti, che consentiranno l’utilizzo di WhatsApp solo entro determinate date. Ecco quali:

– Nokia S40 (fino al 31-12-2018)
– iOS 7 e versioni precedenti (fino al 1-2-2020)
– Android 2.3.7 e versioni precedenti (fino al 1-2-2020)

Leggi anche:  Servizi non richiesti: con un click e ti scalano fino 6 € a settimana

Ad ogni modo, fanno sapere da WhatsApp, alcune funzioni che vengono migliorate con i vari aggiornamenti, potrebbero non essere più disponibili da un momento all’altro.

Per questo motivo, WhatsApp consiglia di cambiare smartphone oppure, ove possibile, di aggiornare il sistema operativo a queste versioni:

– Android 4.0 e superiori
– iOS 8 e superiori
– Windows Phone 8.1 e superiori

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSesso con l'alunno 14enne, la prof gli scriveva: "Sono la tua fidanzata". Stavano “insieme” da mesi
Prossimo articoloLeucemia mieloide acuta, alternativa alla chemioterapia