Yara, i legali di Bossetti: “Forse ci fu un contatto con la 13enne, ma non è lui l’assassino”

Nelle motivazioni del ricorso per la condanna all’ergastolo del muratore di Mapello, la difesa chiede l’assoluzione e “fa questa clamorosa affermazione”: ne parla il settimanale Giallo

Massimo Bossetti potrebbe aver avuto “un contatto” con Yara Gambirasio.

I legali del muratore di Mapello, condannato all’ergastolo per l’omicidio della ragazzina di 13 anni di Brembate di Sopra, spiegano che nel processo potrebbe esserci stato un errore di valutazione e che il contatto tra Bossetti e Yara potrebbe esserci stato, ma questo non implica che sia lui l’assassino. Parlando con il settimanale Giallo, i legali di Bossetti spiegano le motivazioni del ricorso in appello, basate “sull’assenza di valutazione della pluralità di indizi trovati sul corpo della vittima”.

Non c’è stata una valutazione della pluralità di indizi alternativi rinvenuti sul corpo della vittima, trasformando così, senza alcun altro riscontro, un possibile contatto in un’aggressione omicida.

„Secondo Giallo sarebbero queste le motivazioni del ricorso in appello. La frase dei legali del muratore di Mapello, però, secondo il settimanale ha in sé una contraddizione: per la prima volta, infatti, viene ammesso che l’uomo e la bambina avrebbero avuto un contatto, mentre a lungo, dopo l’arresto, lui ha negato di averla vista e conosciuta.

In un altro passaggio – scrive sempre Giallo – i legali si contraddicono nuovamente: “Nel caso in esame, elementi certi riferibili alla collocazione e alla qualità della traccia, per nulla degradata a differenza del contesto in cui è stata rinvenuta, fanno ritenere un contatto successivo, e non di poco, al contesto omicidiario”. CONTINUA A LEGGERE SU TODAY

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche