Condividi

Zeinab Sekaanvand, la “sposa bambina”, condannata a morte in Iran per l’uccisione del marito quando era ancora minorenne, è stata uccisa. La sentenza è stata eseguita oggi, lo ha reso noto Amnesty International.

“Non solo Zeinab era minorenne al momento del reato, ma il suo processo era stato gravemente irregolare.”

La ragazza, una curda iraniana di 24 anni, che fu arrestata nel 2011, appena 17enne, per l’omicidio del marito che era stata costretta a sposare a 15 anni.

Zeinab Sekaanvand Aveva avuto assistenza legale solo nelle fasi finali del procedimento, nel 2014, quando aveva ritrattato la confessione, resa a suo dire dopo che agenti di polizia l’avevano picchiata su ogni parte del corpo”

I numerosi appelli per la sua liberazione non sono serviti.

La giovane raccontò di essere stata trattenuta 20 giorni in una stazione di polizia e di aver subito ogni genere di tortura da parte degli agenti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteInstagram e Vodafone down: impossibile navigare e telefonare. La situazione
Prossimo articoloLa figlia di 14 mesi piange troppo, papà le chiude la bocca con la colla